Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Home Iscrizione e carriera Carriera universitaria Sospensione, interruzione e ripresa degli studi

Sospensione, interruzione e ripresa degli studi

Durante il periodo di sospensione o di interruzione degli studi non puoi compiere alcun atto di carriera, né fruire di alcun servizio didattico relativo al corso sospeso o interrotto e gli eventuali esami sostenuti sono annullati d’ufficio.

Puoi riprendere gli studi interrotti o sospesi soltanto se il corso di studio è attivo, a meno che tu non abbia già superato tutti gli esami previsti dal tuo piano di studi e debba sostenere soltanto la prova finale.

SOSPENSIONE



Se sei regolarmente iscritto e vuoi frequentare un corso post lauream presso questo o altro Ateneo ovvero un corso di studio di livello universitario presso Atenei stranieri o presso Istituti di formazione militari italiani o in Atenei con essi convenzionati, puoi sospendere temporaneamente gli studi e, in tal caso, sei esonerato dal pagamento delle tasse e dei contributi di iscrizione.


Se hai già rinnovato l’iscrizione, questa viene annullata e le tasse e i contributi già pagati sono riconosciuti per l’anno accademico di ripresa degli studi, salvo conguaglio nel caso in cui siano aumentati.


Quando chiedere la sospensione

entro il 30 novembre
salvo il caso condizionato dalla data di inizio del corso che intendi frequentare, debitamente documentato.


Come fare

Presenta alla Segreteria Studenti del Dipartimento domanda, in carta semplice, motivata e documentata.


Per riprendere gli studi sospesi

Presenta alla Segreteria Studenti del Dipartimento:

  • domanda in carta semplice
  • documentazione delle attività svolte in uno dei corsi sopra indicati

 

INTERRUZIONE



Interrompi temporaneamente gli studi se:

  1. non rinnovi l’iscrizione per almeno due anni accademici consecutivi
  2. sei affetto da infermità gravi e prolungate - in tal caso l’interruzione è consentita anche per un anno accademico
  3. svolgi il servizio militare o civile - in tal caso l’interruzione è consentita per un anno accademico
  4. sei in maternità - in tal caso l’interruzione è consentita per un anno accademico


Se hai rinnovato l’iscrizione, l’interruzione degli studi non è consentita in corso d’anno.


Per riprendere gli studi interrotti


La domanda di ricongiunzione della carriera interrotta da almeno due anni accademici (caso 1) comporta il pagamento di un diritto fisso di 200 euro per ciascun anno di mancata iscrizione.

  1. Presenta alla Segreteria Studenti del Dipartimento, entro i termini previsti per il rinnovo dell’iscrizione, domanda di ricongiunzione della carriera, in bollo da 16 euro, compilata su apposito Modello
  2. Paga le tasse e i contributi di iscrizione all’anno in corso, l’eventuale contributo aggiuntivo di mora e il diritto fisso di ricongiunzione, se hai interrotto gli studi da almeno due anni accademici (caso 1). Se hai interrotto gli studi per infermità gravi e prolungate, per l’anno di svolgimento del servizio militare o  civile, per maternità (casi 2, 3 e 4), NON devi pagare il diritto fisso di ricongiunzione, le tasse e dei contributi di iscrizione, compresi quelli di servizio, relativi al periodo di interruzione. Per ulteriori informazioni: Esoneri totali


Ulteriore documentazione richiesta

  1. certificato da cui risulti in maniera inequivocabile la causa dell’infermità e l’impossibilità di poter proseguire gli studi nel periodo considerato oppure attestante la maternità oppure autocertificazione relativa allo svolgimento del servizio militare o civile. Per presentare l'autocertificazione puoi utilizzare l'apposito Modello.

 

SE NON HAI RINNOVATO L'ISCRIZIONE PER UN SOLO ANNO ACCADEMICO

  1. Paga le tasse e i contributi dovuti per l'anno di mancata iscrizione (importo massimo previsto a seconda del tipo di iscrizione, a tempo pieno o parziale, effettuata nell'anno accademico precedente quello d'interruzione, tenendo conto dell’anno di iscrizione in corso o fuori corso, con esclusione del contributo aggiuntivo di mora)
  2. Rinnova l'iscrizione per l’anno in corso, pagando le tasse e i contributi dovuti e l’eventuale contributo aggiuntivo di mora. Non rinnovare l’iscrizione se prevedi di laurearti entro la sessione straordinaria d’esame del precedente anno accademico, per cui regolarizzi la posizione contributiva.